fbpx

Bandi: arriva PR FSE+, Progetto Formazione e Cultura

La seconda edizione dell’avviso pubblico approvato dalla Regione Lazio, e finanziato con risorse del Programma Fondo Sociale Europeo Plus (FSE+) 2021-2027, si pone l’obiettivo di favorire percorsi extrascolastici promuovendo conoscenza e formazione, mettendo in pratica percorsi di apprendimento attivo mediante corsi, seminari, workshop, insieme con il potenziamento e il recupero del prezioso patrimonio librario, con iniziative volte alla valorizzazione delle piccole attività artigiane del settore, generando occasioni di crescita e rinnovamento.

Lo scopo è quello di favorire la nascita di momenti di socializzazione e aggregazione letteraria e culturale che ne accrescano il benessere personale e sociale, per aumentare anche le occasioni di apprendimento legate all’accesso al mondo di libri e di carta stampata. L’obiettivo è anche quello di rivitalizzare i supporti tradizionali come strumento di apertura verso la conoscenza e come mezzo per rinforzare i momenti di riflessione e di dialogo con le generazioni più giovani su uno spettro di tematiche presso le case editrici aderenti all’iniziativa.

La Regione Lazio con l’iniziativa vuole altresì contribuire alla crescita del bagaglio culturale degli studenti attraverso modalità di apprendimento non formali come incontri e seminari che stimolino la sperimentazione di soluzioni nuove ed efficaci per aumentare l’attrattività e la qualità della formazione e dell’istruzione.

Tutti gli interventi riguardano lo svolgimento di seminari, dibattiti, incontri, comprensivi di attività educative, formative e di aggregazione rivolti agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, statali e paritarie.

Il progetto definibile ‘’multi attore’’ richiede che la candidatura debba pervenire da parte di una casa editrice accompagnata, obbligatoriamente, da una lettera di adesione da parte di un istituto scolastico.

È inoltre possibile, per i soggetti proponenti, coinvolgere anche le biblioteche e i musei accreditati che rientrano nell’albo regionale degli istituti culturali (regolamento regionale 8 luglio 2020 n.20).

Le attività inerenti al progetto possono prevedere:
– esperienze laboratoriali, con la realizzazione di prodotti multimediali per la diffusione del messaggio;
– seminari o eventi di discussione e confronto, anche alla presenza di esperti che alimentino il dibattito e contribuiscano al raggiungimento delle finalità;
– webinar sulle tematiche oggetto dell’avviso e
– altre modalità attuative specificate e motivate nel progetto.

Gli incontri/seminari dovranno: coinvolgere almeno 1 o 2 referenti,  avere una durata compresa tra le 2 e le 4 ore e dovranno essere realizzati con una flessibilità di durata e oraria oltre a garantire il coinvolgimento di minimo 20/40 allievi.

Le tematiche degli incontri dovranno riguardare società, costume e modelli di comportamento delle giovani generazioni, le nuove frontiere della comunicazione e dei social network e la sicurezza; la democrazia, la libertà e i diritti civili; la solidarietà e apertura verso nuove culture e religioni; le risorse naturali e il rispetto dell’ambiente; l’individuo, la famiglia e il sistema di relazioni; lo sport e il turismo; l’agrifood e il greenfood.

I progetti potranno essere presentati fino alle ore 17.00 del 15 settembre 2022.
Per info: formazioneecultura2022@regione.lazio.it

Scegli come condividere questo articolo

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter
Telegram
Email
Skype
Print

Scelti per te

Villa Torlonia e Messina

Villa Torlonia, casa che l’omonima famiglia acquisì nello stesso 1797 in cui venne dotata del marchesato, e il cui ruolo centrale nella città di Roma

L’Abbazia di Valvisciolo

Un’abbazia ai piedi dei monti che delimitano la pianura pontina; un’architettura che apparenta il complesso, imperniato sulla chiesa e sul chiostro, a quello della vicina

Villa Torlonia e Messina

Villa Torlonia, casa che l’omonima famiglia acquisì nello stesso 1797 in cui venne dotata del marchesato, e il cui ruolo centrale nella città di Roma

L’Abbazia di Valvisciolo

Un’abbazia ai piedi dei monti che delimitano la pianura pontina; un’architettura che apparenta il complesso, imperniato sulla chiesa e sul chiostro, a quello della vicina

I più letti