fbpx

Crearsi più “io” lavorativi

Nella vita non siamo obbligati ad avere un solo lavoro. Non siamo costretti a scegliere una sola carriera e tenercela per tutta la vita.

Diverse persone, incluso il sottoscritto, hanno fin da subito scelto di essere un giocatore multiplo, che è colui che sceglie dì seguire diversi progetti, generando per se stessi più definizioni e posizioni lavorative.

Il giocatore multiplo è qualcuno con molteplici interessi, talenti, curiosità e non si arrende all’idea di una sola identità lavorativa. Questa persona non crede che specializzarsi in una sola materia possa essere l’unica opzione per realizzarsi nella vita e nel lavoro.

Scegliere un percorso da giocatore multiplo, mantiene vivo il livello di creatività e l’attenzione verso la crescita personale e professionale. Mantiene viva la possibilità di aggiungere nuovi progetti, oppure sostituire quelli a fine corsa, perché tutto ha un inizio ed una fine.

Questa strada ti abitua ad una mente aperta, pronta ad accogliere con positività i cambiamenti ed esserne soprattutto il promotore, e ti concede di vivere al meglio eventi all’apparenza negativi ma che “nascondono” opportunità piene di nuove energie.

“Lo schema perfetto” del posto di lavoro fisso, è vero che ci fa credere di essere al sicuro, ma in realtà ci mette il tappo, o come si usa dire, ci tappa le ali. Il posto di lavoro fisso, non è più un posto sicuro, e in realtà non lo è mai stato.

Ad inizio percorso lavorativo è utile per gettare le basi, ma si deve dar vita fin da subito a progetti paralleli di vita professionale che permettono di avere più opzioni e più entrate. Questo non significa lavorare tutta la vita impegnando tutte le giornate, ma paradossalmente, arrivare molto presto a lavorare di meno.

Diventare giocatore multiplo, significa scegliere uno stile di vita. Significa prendersi o riprendersi il controllo della propria vita. Il successo, è comunemente associato al raggiungimento di obiettivi come la fama e la ricchezza, ma in realtà, significa raggiungere la libertà di decidere come investire il proprio tempo.

La vera ricchezza è il tempo.

Crearsi più “io” lavorativi non ha età, e per quanto la società cerchi di renderti “vecchio” dai quarant’anni in su, nella realtà, ha bisogno che tu non lo sia mai.

C’è sempre tempo per un nuovo tempo.

Abbattere le convinzioni ed entrare nel nuovo flusso non è mai tardi, e cambiare o aggiungere una carriera non significa ricominciare da zero. Nel mondo del lavoro attuale, un cambiamento può richiedere semplicemente un pò di sforzo per imparare cose nuove. Imparare a prendere il controllo del proprio tempo, passa dal diventare la persona giusta per governarlo.

Un giocatore multiplo si crea più “io” lavorativi, e sfrutta le sue competenze applicandole in varie discipline.  Non è mai tardi per darsi una nuova possibilità o aggiungere una nuova opportunità.

Scegli come condividere questo articolo

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter
Telegram
Email
Skype
Print

Scelti per te

La rivoluzione parte da se stessi

Se non hai idea di dove stai andando, come puoi gestire il percorso (e il tempo) necessario per arrivarci? Se non hai chiare le priorità,

La rivoluzione parte da se stessi

Se non hai idea di dove stai andando, come puoi gestire il percorso (e il tempo) necessario per arrivarci? Se non hai chiare le priorità,

I più letti