fbpx

Dalla piccola stazione del Vaticano alle Ville Pontificie: ogni sabato riparte il treno del Papa

In un solo giorno, dalle 8.30 alle 18.30, con la vecchia linea ferroviaria degli anni ’30 si possono vistare i Musei vaticani e il complesso di Castel Gandolfo.

Prospettive uniche quelle offerte dalla gita in treno che arriva proprio nell’area che fu la residenza estiva dei papi fino al 2015; 50 ettari di bosco a ridosso del lago di Albano. Appena 40 minuti di viaggio in treno lungo la linea ferroviaria vaticana: una tratta inaugurata nel 1934 che misura solo 1270 metri. Si parte dai giardini alle spalle della Basilica di San Pietro e poi, varcando il confine territoriale al cancello delle mura leonine, si prosegue fino ai Castelli romani.

Una gita fuori porta per vedere il complesso che Urbano VIII elesse a dimora estiva dei Papi affidando l’ampliamento della vecchia residenza, dei Gandolfi prima e dei Savelli poi, a Carlo Maderno che si occupò anche dell’ala settentrionale, adibita a Specola vaticana nel 1933, e ai giardini di Villa Barberini che ne sono la gemma più preziosa. Qui sono tuttora presenti i resti della villa imperiale voluta da Domiziano con il teatro e il criptoportico dove l’ultimo dei flavi passeggiava nei giorni di pioggia e dove, molti secoli dopo, ripararono migliaia di sfollati della Seconda Guerra mondiale tra cui Alcide De Gasperi.

A Castel Gandolfo si possono visitare gli ambienti privati del pontefice: la galleria di Alessandro VII, la cappella, la stanza da letto con gli arredi originali, la sala del biliardo, quella della musica dove portò il pianoforte Benedetto XVI, che è stato l’ultimo ospite di Castel Gandolfo, diventata sua residenza pro tempore dopo la rinuncia al pontificato.

Dalle finestre da cui anche Bergoglio si è affacciato, ma solo due volte dalla sua elezione, si possono ammirare il lago di Albano e la pianura costiera che arriva fino ad Anzio.

E poi un giro nei meravigliosi giardini dove fioriscono rose, gardenie, azalee, viole e gelsomini all’ombra di lecci, querce e abeti alternati alle siepi che disegnano figure intorno alle fontane.

Per tutte le info e le prenotazioni www.museivaticani.va.

Scegli come condividere questo articolo

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter
Telegram
Email
Skype
Print

Scelti per te

La rivoluzione parte da se stessi

Se non hai idea di dove stai andando, come puoi gestire il percorso (e il tempo) necessario per arrivarci? Se non hai chiare le priorità,

La rivoluzione parte da se stessi

Se non hai idea di dove stai andando, come puoi gestire il percorso (e il tempo) necessario per arrivarci? Se non hai chiare le priorità,

I più letti