fbpx

Emozioni e aspettative della laurea: lo sguardo verso un futuro incerto

Dall’ansia alla corona d’alloro sul capo: le emozioni e le aspettative della laurea, lo sguardo verso un futuro incerto

Ansia, timore, incertezza, paura, ma anche emozione, eccitazione, felicità: sentimenti contrastanti provati poche ore prima della mia seduta di laurea.

Non si sa a cosa si va in contro, non si è pienamente coscienti di cosa sta per accadere: è la prima volta per tutti gli studenti alla fine del proprio percorso universitario, nessuno sa cosa accadrà quel fatidico giorno.

Sembra un sogno: finiti gli studi, si pensa solamente ai festeggiamenti. Si è felici, spensierati, contenti del fatto che finalmente anni di fatiche e sofferenza legata allo studio saranno ripagati. Si scrive la tesi, si completano i ringraziamenti, si sceglie l’abito. Ma poi?

Poi arriva il fatidico giorno, il giorno della discussione di laurea. E in quel momento, solamente in quel preciso giorno, si inizia a percepire che forse non è stato così facile arrivarci.

Poche ore prima di entrare nel Centro Congressi dove avrei di lì a poco discusso la mia tesi e posto ufficialmente fine al mio percorso di studi ho iniziato a capire. Ero sopraffatta dall’ansia, dalla tensione. Volevo quasi tornare a casa, stentavo a crederci. Lì la felicità e la spensieratezza erano nascoste dietro la paura, il timore, l’incertezza. Eppure, è andata.

Dopo la proclamazione, una volta fuori dall’istituto, con la corona d’alloro sul capo, la paura non c’era più. C’era solo tanta emozione, tanta contentezza, tanta, tantissima spensieratezza. Sembrava un sogno, che da anni immaginavo esattamente così. Nulla e nessuno poteva levarmi quella gioia.

Si torna a casa, si festeggia, ci si gode uno dei giorni più belli ed importanti della propria vita.

Il giorno dopo, però, ancora emozionati, si inizia a realizzare. Cosa aspettarsi ora? Cosa fare? Cosa avrà in servo per me il futuro?

In quel preciso istante si capisce che il futuro in servo per noi non avrà niente: siamo noi che dobbiamo costruircelo. Per chi decide di continuare a studiare è più facile, perché si torna sui libri e si ricomincia a sognare la prossima laurea.

Per chi decide di non continuare a studiare, però, torna un po’ di ansia. Emozione dovuta alle sicurezze mancanti, alla percezione che ora inizia una nuova vita. Una vita in cui non saremo più studenti, ma lavoratori. Riusciremo a realizzare i nostri sogni? Riusciremo mai a mettere efficientemente in pratica ciò che abbiamo studiato con tanto impegno? Potremo essere soddisfatti di ciò che faremo?

E qui ci si sente un po’ persi, ma tanto, tanto emozionati per l’inizio di una nuova vita. Una vita che è nelle mani del nostro impegno e della nostra tenacia.

Scegli come condividere questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email
Share on skype
Skype
Share on print
Print
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter
Share on telegram
Share on email
Share on skype

Scelti per te

La “tristezza” del Blue Monday

Nel mondo degli umani è stato inventato anche il Blue Monday, che secondo qualche esperto sta ad indicare il giorno più triste dell’anno, e cade

Bandi: misure a sostegno dell’agricoltura

BANDO PUBBLICO per la concessione dei contributi alle imprese agricole produttrici di kiwi gravemente danneggiate dal cosiddetto fenomeno della “moria del kiwi”. La “moria dei

La “tristezza” del Blue Monday

Nel mondo degli umani è stato inventato anche il Blue Monday, che secondo qualche esperto sta ad indicare il giorno più triste dell’anno, e cade

Bandi: misure a sostegno dell’agricoltura

BANDO PUBBLICO per la concessione dei contributi alle imprese agricole produttrici di kiwi gravemente danneggiate dal cosiddetto fenomeno della “moria del kiwi”. La “moria dei

I più letti

Tra Internet e pandemia: piattaforme vs fake news

Sentiamo fin troppo spesso parlare di ‘’fake news’’, disinformazione ed ‘’infodemia’’, ma è interessante attualizzare tali termini al contesto in cui viviamo, caratterizzato dalla pandemia

Il nuovo modello phygital per il punto vendita

Nel prossimo futuro sentirete parlare del modello Phygital per il B2C Il consumatore “post pandemico” ha modificato il proprio approccio all’acquisto. Per il fatto di

Tra Internet e pandemia: piattaforme vs fake news

Sentiamo fin troppo spesso parlare di ‘’fake news’’, disinformazione ed ‘’infodemia’’, ma è interessante attualizzare tali termini al contesto in cui viviamo, caratterizzato dalla pandemia

Il nuovo modello phygital per il punto vendita

Nel prossimo futuro sentirete parlare del modello Phygital per il B2C Il consumatore “post pandemico” ha modificato il proprio approccio all’acquisto. Per il fatto di