fbpx

“Quel senso di speranza”. Lascialo andare via

Iniziamo forte la lettura, scrivi bene da qualche parte quello che sto per dirti, e fissalo bene nella mente, la speranza non è una strategia.

La vita è fatta da cose che controlliamo e cose che non controlliamo. Ecco la bella notizia: se qualcosa ci vede protagonisti, le cose che controlliamo sono la stragrande maggioranza, e quelle che non controlliamo, appartengono alle probabilità che qualcosa può non funzionare, e devono quindi appartenere al piano con consapevolezza.

Crearsi prospettive motivanti su cose che sappiamo di non controllare, lasciano che la speranza manipoli le nostre volontà di essere protagonisti, allontanandoci dalla realtà.

I nostri desideri devono avere un piano d’azione basato sulle cose che noi possiamo fare per realizzarli, tenendo presente che qualcosa potrebbe ostacolare il materializzarsi dell’obiettivo nel periodo stabilito, ma questo non eviterà di raggiungerlo.

Le cose che non controlliamo possono solo interferire in termini temporali, dobbiamo quindi insistere e non mollare. Le persone si affidano alla speranza per non decidere, ma anche non decidere è una decisione, e molto spesso, la peggiore.

Siamo persone migliori quando ci sentiamo responsabili dei nostri risultati. Mettiti alla guida della tua vita consapevole del fatto che incontrerai delle interferenze dalle quali imparerai ad avanzare.

Ai miei studenti/clienti dico sempre: devi diventare la persona giusta per quello che vuoi diventare e raggiungere.

Scegli come condividere questo articolo

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter
Telegram
Email
Skype
Print

Scelti per te

La rivoluzione parte da se stessi

Se non hai idea di dove stai andando, come puoi gestire il percorso (e il tempo) necessario per arrivarci? Se non hai chiare le priorità,

La rivoluzione parte da se stessi

Se non hai idea di dove stai andando, come puoi gestire il percorso (e il tempo) necessario per arrivarci? Se non hai chiare le priorità,

I più letti