fbpx

Sbagliare è del tutto normale

Ciò che porta al fallimento è l’incapacità di riconoscerlo.

Anche se a nessuno piace, tutti possono sbagliare, e non c’è niente di male in questo, anzi, è grazie agli errori che impariamo ed avanziamo. È importante però essere in grado di riconoscere l’errore. Si è spesso portati a sovrastimare le proprie capacità, e se credere fermamente in sé stessi è estremamente positivo, occorre formarsi adeguatamente prima di lanciarsi in qualunque impresa.

La più comune reazione di fronte ad un fallimento è quella di attribuirlo a fattori esterni, rilasciando scuse per non dover ammettere di aver sbagliato. Si tratta di una reazione piuttosto comune che porta con sé, però, la perdita di una possibilità importante: quella di imparare dai propri errori. Per farlo è necessario acquisire maggior apertura mentale e sapersi mettere in discussione.

Un buon metodo per intraprendere questo percorso è quello di fare domande. Anziché dire “no, questo è impossibile” sarà più istruttivo chiedere perché secondo il nostro interlocutore quel determinato progetto è realizzabile oppure no, arrivando a capire, magari, il perché di una scelta potenzialmente sbagliata o di un errore commesso.

Nell’appassionarsi ed affezionarsi profondamente ad un progetto imprenditoriale, può capitare di perdere completamente di vista le sue reali possibilità di successo e inserimento nel mercato. Rimanere capaci di accettare le critiche costruttive e di riconoscere gli errori compiuti, invece, manterrà desti l’obiettività ed il senso critico, permettendo di modificare il progetto qualora servisse.

Osservare i concorrenti è fondamentale per imparare dai loro successi così come dai loro errori ma, soprattutto, riconoscendoli come fonte di ispirazione quando hanno raggiunto risultati migliori dei nostri.

Scegli come condividere questo articolo

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter
Telegram
Email
Skype
Print

Scelti per te

Villa Torlonia e Messina

Villa Torlonia, casa che l’omonima famiglia acquisì nello stesso 1797 in cui venne dotata del marchesato, e il cui ruolo centrale nella città di Roma

L’Abbazia di Valvisciolo

Un’abbazia ai piedi dei monti che delimitano la pianura pontina; un’architettura che apparenta il complesso, imperniato sulla chiesa e sul chiostro, a quello della vicina

Villa Torlonia e Messina

Villa Torlonia, casa che l’omonima famiglia acquisì nello stesso 1797 in cui venne dotata del marchesato, e il cui ruolo centrale nella città di Roma

L’Abbazia di Valvisciolo

Un’abbazia ai piedi dei monti che delimitano la pianura pontina; un’architettura che apparenta il complesso, imperniato sulla chiesa e sul chiostro, a quello della vicina

I più letti