fbpx

Villa Torlonia e Messina

Villa Torlonia, casa che l’omonima famiglia acquisì nello stesso 1797 in cui venne dotata del marchesato, e il cui ruolo centrale nella città di Roma proseguì fino in pieno Novecento.

Dall’entrata su Via Nomentana, pochi passi e si raggiunge il Casino Nobile. Quest’ultimo ospita, nelle stanze in cui visse la famiglia e che poi divennero residenza di Mussolini fino al 1943, opere che spaziano lungo la stessa storia italiana e romana in cui la famiglia francese entrò, e di cui divenne protagonista. Alcune statue antiche e di altre copie moderne, una collezione di opere contemporanee al secondo piano, la decorazione pensata per ogni singola stanza che spazia dalle grottesche a temi orientalistici.

Tra tutto ciò, un fascino del tutto particolare è presentato dai rilievi in gesso di Canova; di essi sono da ammirare i graduati passaggi millimetrici che diversificano la fuoriuscita dalla tavola bianca delle diverse componenti della raffigurazione, nello scalare dalla più vigorosa presenza dei personaggi principali fino al profilarsi dei veli, più trasparenti del reale.

Poco distante la vicina Casina delle Civette, edificio ai limiti del giardino della Villa e nato proprio per una vita ai limiti delle norme della quotidianità principesca; tra il diciannovesimo e ventesimo secolo la Casina ha visto diverse aggiunte e modificazioni fino a riempirsi di mosaici, vetrate, multiformi elementi colorati di cui goderne da ogni lato. La passeggiata prosegue, con gli obelischi, la serra moresca, che completano l’itinerario pubblico di quello che un tempo era l’universo privato della famiglia.

Fino al 4 Settembre, nel Casino dei Principi sarà possibile visitare la mostra sullo scultore Francesco Messina. Bronzi di diverse dimensioni del maestro, affiancati da opere di altri artisti contemporanei in dialogo con le sue sculture. Cavalli imbizzarriti, ritratti, il colore, nelle diverse sale sono suddivise le opere in base alle tematiche affrontate dal maestro nella sua lunga carriera che prese buona parte del Novecento.

Scegli come condividere questo articolo

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter
Telegram
Email
Skype
Print

Scelti per te

L’Abbazia di Valvisciolo

Un’abbazia ai piedi dei monti che delimitano la pianura pontina; un’architettura che apparenta il complesso, imperniato sulla chiesa e sul chiostro, a quello della vicina

L’Abbazia di Valvisciolo

Un’abbazia ai piedi dei monti che delimitano la pianura pontina; un’architettura che apparenta il complesso, imperniato sulla chiesa e sul chiostro, a quello della vicina

I più letti